↑ Torna a La comunità

Stampa Pagina

Tempo Propedeutico

I giovani che non hanno frequentato il seminario minore, ma che hanno raggiunto la maggiore età, se avvertono la chiamata del Signore a seguirlo per una strada di speciale consacrazione si rivolgono innanzitutto al proprio parroco, il quale, a tempo debito, informerà il vescovo. Inizia, così, un primo cammino di discernimento della vocazione fatto nella propria diocesi, al termine del quale il vescovo ammetterà il giovane all’anno propedeutico.

Cos’è il propedeutico?

L’anno propedeutico è un tempo di formazione che precede quello del Seminario Maggiore, ma a cui è istituzionalmente legato. Le finalità di questa esperienza sono molteplici: imparare a vivere in una comunità, avviare una più intensa vita spirituale, approfondire il discernimento della propria vocazione, consolidare il metodo di studio, integrare il bagaglio culturale necessario per affrontare gli studi teologici, offrire la possibilità di sperimentarsi in esperienze di servizio, favorire il raggiungimento di una sufficiente maturità umana, acquisire una buona capacità di gestione del proprio tempo libero, ecc.

La comunità

L’anno propedeutico si caratterizza prima di tutto per la vita in comune. I giovani sono guidati a prendere confidenza con le dinamiche tipiche dello stare insieme, che diventerà poi lo stile di vita per la formazione in Seminario Maggiore.

La vita spirituale

L’aspetto certamente più importante dell’anno propedeutico è l’iniziazione alla vita spirituale. I sacramenti e la preghiera divengono la struttura portante della vita del giovane. Nei vari momenti della giornata e attraverso varie esperienze spirituali viene insegnato a pregare, a vivere nella Grazia in compagnia di Dio, ad ascoltare la Sua voce, e vi è un primo approccio alla direzione spirituale.

Il discernimento vocazionale

L’anno propedeutico è un tempo favorevole per un intenso discernimento della propria vocazione. Questo avviene sia attraverso la preghiera, la guida spirituale, la meditazione personale, oltre a esperienze vocazionali vissuti in Seminario Maggiore.

Lo studio

Una parte consistente della giornata viene destinata allo studio di alcune materie propedeutiche agli studi filosofico-teologici del seminario maggiore. I corsi che generalmente vengono attivati, ma che vengono ogni anno adattati alle esigenze degli allievi, sono: lettura della Bibbia, i maestri di vita spirituale, introduzione allo spirito della liturgia, il catechismo della Chiesa Cattolica, la vocazione al presbiterato, il magistero della Chiesa, la formazione del seminarista, la direzione
spirituale, introduzione generale alla filosofia, latino, greco, cultura generale e lingua italiana.

Le esperienze di carità

Durante questo tempo vengono fatte alcune brevi esperienze di volontariato e di carità, quest’anno in particolare vissute all’interno dell’Istituto Serafico di Assisi.

Gli spazi e i tempi

L’esperienza, per quest’anno e in via eccezionale, si svolge in un luogo esterno al Seminario Maggiore, da fine ottobre a metà maggio. I giorni di permanenza in sede vanno dal mercoledì sera al Sabato mattina.

La giornata tipo è così strutturata:
ore 6:30 sveglia
ore 7:00 Santa Messa
ore 8:00 colazione
ore 8:30 lezione
ore 12:45 ora media
ore 13:00 pranzo
ore 14:30 studio personale/direzione spirituale/incontri comunitari
ore 19:00 preghiera
ore 20:00 cena
ore 20:30 tempo libero
ore 23:00 riposo notturno

Permalink link a questo articolo: http://www.seminarioumbro.it/la-comunita/tempo-propedeutico/